Creazione di pareti ed arredamenti con cartongesso

IMG_2209Già le popolazioni più antiche, come i Babilonesi, i Caldei e gli Egizi, conoscevano bene l’arte del gesso, la quale neppure si perse successivamente nel corso della storia, tanto da raggiungere il suo culmine durante il periodo Barocco e Rococò.
Oggi il gesso è ampiamente utilizzato sia per realizzazioni decorative cui il materiale ottimamente si presta, sia in qualità di intonaco, di legante, di blocco monolitico da costruzione

Molteplici possono essere le soluzioni in cui questo materiale trova impiego.
I suoi pregi sono numerosi: le pareti realizzate possono essere rimosse in futuro o spostate agevolmente; è facile far passare cavi per l’illuminazione, installare prese elettriche e faretti; non produce macerie e polveri e una volta eretta la struttura è in grado supportare mensole e ripiani come una normale parete.
Il desiderio di cambiare l’aspetto della nostra casa, del nostro appartamento o del nostro negozio, può spingerci ad immaginare la creazione di nuove pareti all’interno dei nostri ambienti. Ricavare una cabina armadio in una stanza da letto molto grande; separare meglio un ingresso dalla zona living; creare un antibagno con una piccola lavanderia. Il cartongesso può rappresentare la soluzione ideale e può sostituisce in modo efficace il tradizionale mattone. Il cartongesso è un materiale da costruzione formato da uno strato di gesso racchiuso tra due fogli di cartone. Si presenta sotto forma di lastre larghe 120 cm, lunghe da 200 a 300 cm, e con spessori variabili da 6 a 18 mm. Il cartongesso ha bisogno di una struttura su cui essere fissato. Una parete in cartongesso è realizzata con un sistema di costruzione a secco, senza l’utilizzo di malte o cementi, ma solo di semplici viti e tasselli. È costituita da una struttura metallica, fissata al pavimento, al soffitto e a una o più pareti, da un’intercapedine che può essere riempita di materiale isolante, e da due lastre esterne di gesso rivestito.